I saggi nel bosco

Gli anziani in tutte le culture del mondo sono sempre stati un patrimonio prezioso di conoscenze ed esperienze. Nelle antiche civiltà degli indiani d’America il potere decisionale era del Consiglio degli Anziani, eletto democraticamente da tutti gli adulti della comunità. Esso si riuniva per discutere sulle questioni più importanti e ogni decisione doveva ottenere la piena unanimità.
La saggezza soprattutto quella degli anziani era tra le qualità più importanti in un uomo ed era sicuramente la più rispettata, gli anziani erano i custodi di tutte le tradizioni, delle storie, dei miti e per questo erano ascoltati e venerati. Certamente nelle culture antiche il poter tramandare il sapere solo oralmente poneva l’anziano al centro della comunità il suo compito era quello di trasmettere ai giovani tutta la sua conoscenza, al fine di far sopravvivere la tradizione e la comunità stessa.
Nella nostra realtà moderna si è persa questa consuetudine a favore di impersonali e artificiali interrelazioni tramite internet e i vari social network che creano un falso rapporto anche tra soggetti della stessa generazione.
Noi vorremmo ribaltare questa realtà e recuperare il rapporto con le generazioni che ci hanno preceduto attraverso la creazione di momenti aggregativi per esempio attorno ad un fuoco o vicino a un camino la sera in cui il semplice rapporto personale diventa il metodo per ascoltare raccolti di vita, per chiedere consiglio, per confrontarsi tra generazioni, tra anziani e giovani ecc. vorremmo creare una rete di “netword” umani che intereagiscono tra loro in modo diretto e personale, tramite il linguaggio, la parola, i ricordi e l’incontro.
Proporremo degli appuntamenti a tema in cui sviluppare un positivo confronto tra generazioni da svolgersi nel nostro bosco attorno ad un fuoco all’aperto o nella nostra yurta attorno alla stufa presso la “Terra di Bampuriddha”.

• Antichi saperi e nuovi sapori
• Mastri di un tempo e apprendisti di oggi
• Un mondo nuovo dove tutto ritorna
• Pastori, vecchi custodi e moderni allevatori