Accoglienza e ospitalità Mediterranea

 

 L'ospitalità dalle nostre parti è sacra, accogliere il viandante è un dovere insito nella nostra natura di eredi della cultura magno greca.

Nel mondo greco antico vigeva la regole della Xenia concetto di ospitalità che si riassume in tre regole base:

• il rispetto del padrone di casa verso l'ospite;
• il rispetto dell'ospite verso il padrone di casa;
• la consegna di un "regalo d'addio" all'ospite da parte dell'ospitante.

Secondo gli antichi greci se il padrone di casa avesse trattato male un ospite dietro le cui vesti si poteva celare un dio, avrebbe potuto imbattersi nella collera divina.
Il dono d'addio consegnato all’ospite dimostrava che il padrone di casa era stato onorato di accoglierlo.
Su queste premesse si è plasmato il nostro senso quasi religioso di ospitalità verso il viandante e questa consuetudine è ancora largamente diffusa tra la gente calabra.

logo la gher di bampuriddha

Bampuriddha adotta pienamente la regola della Xenia e nei suoi programmi propone all’ospite soggiorni in ospitalità diffusa in alcuni piccoli paesi, offrendo un contatto diretto con la gente del luogo, ospitale e genuina. Collabora con alcune strutture selezionate, piccoli alberghi, case famiglia, agriturismi, rifugi montani, cui l'ospite è garantito da una accoglienza familiare e un calore umano tipicamente nostrano.

Staiti FILEminimizer     Antonimina 2 FILEminimizer     Bagnara 2 FILEminimizer

Anche Bampuriddha ha  offerto direttamente per qualche anno ospitalità  in modo rustico, essenziale e stagionale in un luogo magico e naturale “La Terra di Bampuriddha”. Utilizzavamo “strutture” provvisorie dalla forma antica, dal carattere esotico e di concezione puramente ecologica. Queste strutture erano rappresentate da una tenda oroginale mongola, che montavamo stagionalmente con un impatto controllato sull'ambiente. Tutti i servizi forniti erano da campo ecocompatibili, come una compost-toilete, docce solari, una compostiera, impianto fotovoltaico per le luci.

Offrivamo pasti frugali utilizzando cucine da campo portatili come le rochet-stove e organizzavamo delle  zona relax all’aperto con amache istallate nel bosco.

Possiamo affermare che  offrivamo in questo luogo un’immersione totale nella natura vera con la possibilità di far vivere un esperienza “mistica” in uno spazio dal simbolismo cosmico, in cui il cerchio è la forma che definisce lo spazio e il sole e la volta celeste sono gli elementi ispiratori del tutto.

Questa splendida esperienza si è conclusa ma ha lasciato in noi dei ricordi indelebili che hanno radicato la nostra convinzione che è possibile adottare delle azioni ecocompatibili verso l’ambiente e dei comportamenti solidali. L’ecoturismo rappresenta il sistema più idoneo per attuare queste pratiche riuscendo a mette in contatto gli ecoturisti con la popolazione locale depositaria di antiche tradizioni

Cenni storici sulla yurta